BRAND IDENTITY

progetto fotografico e pubblicazione privata (mostra fotografica)

LA TUA ATTIVITÀ/AZIENDA 

DIVENTA OPERA D’ARTE

 

L’attività aziendale diventa un’opera totale.

Far innamorare il cliente  mostrando il lato più intimo dell’azienda attraverso una mostra fotografica. Questa è l’idea.

Sono Alessandra Rigolin, fotografa di Rovigo. Realizzo progetti fotografici essenziali ed intimistici: autoritratti e progetti contemporanei.

La mia visione di fotografia è molto diretta. 

Una pubblicazione privata è troppo personale da esporre per molte persone, perché il soggetto che fotografo diventa “l’occhio che osserva dentro l’obiettivo”.

Per questo i miei soggetti diventano custodi delle proprie immagini (cosa rara al giorno d’oggi, visto che la tendenza è quella di pubblicare la vita privata sui social. Con me è un’altra cosa. Tanto profonda da non mostrarla a nessuno).

In questo progetto la mia attenzione si rivolge alle attività/aziende che osano aprire in modo prepotentemente vero quello che sono.

La verità è ciò che amo fotografare. 

Difficile ma fondamentale.

L’identità è il miglior biglietto da visita.

L’evoluzione è trasformazione.

Il cambiamento rompe gli schemi. 

E questa è una buona cosa.

L’ispirazione arriva dalla verità, ed è ciò che mi serve per “creare”.

Io provocherò una fotografia che sconfina nel racconto più personale. Esplorare ogni possibilità.. per arrivare alla foto. 

Per acquistare un prodotto il cliente prima osserva la vetrina, poi entra e vive il negozio. Spettacolo magnifico.

Ma se mostriamo chi c’è dietro il sipario?

La regia è la parte più attraente del prodotto finito.

Conoscere la scenografia ed il testo, dall’idea allo sviluppo, per arrivare a ciò che il cliente vede in vetrina e desidera acquistare, è il percorso che faremo insieme. 

Tutto questo nella sua parte più umana .. non solo tecnica.

Verrà delineato il progetto seguendo il linguaggio dell’azienda. 

Servirà un percorso conoscitivo per respirare l’azienda stessa, per poter scrivere e comprendere ciò che si fotografa.

Con rispetto e grande silenzio. 

Questo è quello che farò: “destrutturare” per rendere più famigliare ciò che andremo a fotografare.

Prendere una nuova consapevolezza.

Questo è il modo diretto che ho di fare fotografia.

Che sia ritratto di famiglia o aziendale.

Punto sempre verso il cuore.